Stefano Demicheli

Affermato clavicembalista, Stefano Demicheli si esibisce regolarmente nelle sale da concerto più prestigiose del panorama musicale – tra le quali il Teatro La Scala di Milano (presso il quale è stato solista nel 2000), la Fundacio La Caixa di Barcelona, l’Auditorio National di Madrid e l’Oude Muziek di Utrecht – ed è invitato nei Festival più importanti sulla scena europea. Fra questi spiccano Musica e Poesia in San Maurizio di Milano, il Rheingau Musik Festival, il Festival van Vlaanderen di Brugge, l’lnternationale Musikfestwochen di Luzern e il London Festival of Baroque Music.

È richiesto non solo come solista, ma anche come continuista, da numerosi ensamble e direttori di musica barocca fra i quali l’Accademia Bizantina e Ottavio Dantone, il Giardino Armonico e Giovanni Antonini, i Freiburger Barockorchester, Concerto Köln, i Barocchisti e Diego Fasolis, l’ensemble Zefiro e Alfredo Bernardini e La Cappella della Pietà dei Turchini e Antonio Florio, con i quali svolge un’intensa attività concertistica.

Ha lavorato al fianco di rinomati solisti in occasione sia di concerti che di opere liriche, collaborando con importanti direttori quali Claudio Abbado, Riccardo Chailly, Corrado Rovaris Gottfried van der Goltz, Ivor Bolton, Giovanni Antonini, Paul Goodwin e Renè Jacobs. Per molti anni ha ricoperto il ruolo di assistente di quest’ultima, avendo così la possibilità di lavorare nei teatri di tutta Europa, fra i quali spiccano il Deutsche Staatsoper Unter den Linden di Berlino, il Thèatre des Champs-Elysèes di Parigi e il Thèatre Royal de La Monnaie di Bruxelles.

Ha all’attivo numerose collaborazioni con alcune tra le case discografiche e le emittenti radiofoniche e televisive più importanti d’Europa.

Dal luglio 2000 è parte del corpo docenti del Corso Internazionale di Musica Antica di Urbino ed è assistente di Ottavio Dantone. È inoltre docente di clavicembalo e basso continuo presso il Conservatorio di Cesena e Direttore musicale di Dolce & Tempesta dal 2002.                       


Classe 1975, Stefano Demicheli si è diplomato in Organo e composizione organistica e in Clavicembalo presso il Conservatorio di Torino sotto la guida di Ottavio Dantone. Tra le figure che maggiormente hanno influenzato la sua formazione figurano Emilia Fadini e Lars-Ulrik Mortensen.